Dal Consiglio

CONSIGLIO COMUNALE del 13 e 21 Luglio 2010

Punti ODG piu importanti

      - PRESENTAZIONE DEL PSC (PIANO STRUTTURALE COMUNALE) IN VIA DI APPROVAZIONE (13 LUGLIO)

  1. Piano Particolareggiato di Iniziativa Privata - Zona B1 del PRG - Via Cimarosa – Proprietà: Cerlini Uber ed Altri – Approvazione.
  2. Piano Particolareggiato di Iniziativa Privata - Zona B1 del PRG - Via Gementina – Proprietà: Poletti Emanuele ed altri – Approvazione.
  3. Lepida S.p.A – Approvazione dell’adesione all’aumento di capitale di Lepida S.p.A e sottoscrizione di un’azione da  € 1.000 per il Comune di Bomporto – relativa variazione di bilancio.
  4. Interrogazione presentata dal Gruppo Consiliare “Lista Civica Bomporto cinque stelle BeppeGrillo.it” in data 5/6/2010 prot. 6944 avente ad oggetto: “Utilizzo di strumenti di comunicazione e firma elettronica certificati presso gli Uffici Comunali della Pubblica Amministrazione di Bomporto”.
  5. Ordine del giorno presentato dal  Gruppo Consiliare “Lista Civica Bomporto cinque stelle BeppeGrillo.it” in data 30/6/2010 prot. 7886 avente ad oggetto: “ Diffusione di nidi artificiali per pipistrelli come soluzione alternativa di lotto biologica alle zanzare”.
  6. Comunicazioni del Sindaco al Consiglio Comunale per prelievi dal fondo di riserva: deliberazioni di Giunta Comunale n. 68 del 22/6/2010, 74 del 13/7/2010, n. 76 del 13/7/2010.

In questo consiglio ben 2 nostri atti all'ordine del giorno.Per limiti di tempo tratteremo solo 3 punti.

Il primo punto che trattermo (Aumento capitale e sottoscrizione del comune nella società Lepida spa) ci ha visti favorevoli per l'importanza strategica di essere presente come soci, nella piu grande società pubblica di infrastrutture di tlc dedicate alla pubblica amministrazione che gestisce la rete in fibra ottica omonima della regione emiia romagna. 

Il secondo punto riguardava una nostra interrogazione per capire come era lo stato attuale dell'informatizzazione degli uffici comunali, limitatamente agli strumenti di comunicazione elettronica (la cosidetta posta elelettronica certificata), importantissima per ridurre tempi di esecuzione, invio, spreco di carta e sicurezza (privacy) di documenti, atti, risposte sia in ricezione che trasmissione da e verso gli uffici di segreteria e anagrafe comunale nei confronti di altr Pubbliche amministrazioni e la cittadinanza. La risposta lunga e articolata del sindaco, verrà pubblicata al piu presto, ma riassumendo, tutte questi strumenti, ad oggi solo molto poco utilizzati, dovrebbero essere resi fruibili presso gli uffici a partire dell'anno 2011 con adguata formazione al personale del comune. Vedremo e vigileremo....

Ultimo punto, riguarda l'introduzione delle dimore artificiali per pipistrelli presso parchi, edifici pubblici. L'ordine del giorno, sempre da noi proposto, esplica molto chiaramente i vantaggi suffragati da studi scientifici di questi importanti mammiferi nella lotta alle zanzare, sopratutto in estate. La nota lieta è l'approvazione della nostra proposta da parte di tutte le forze politiche, avvenuta all'unanimità.

INFINE PER CIO CHE RIGUARDA IL PSC, VI RIMANDIAMO A CONSULTARE LA DOCUMENTAZIONE ON LINE SUL SITO DEL COMUNE

psc.comune.bomporto.mo.it

A SETTEMBRE FAREMO UNA RIUNIONE PUBBLICA E ALLARGATA PER DISCUTERE TUTTI ASSIEME, VALUTARE, E FARE E RACCOGLIERE OSSERVAZIONI PER EVENTUALMENTE MIGLIORARLO ASSIEME ALLA CITTADINANZA.

CONSIGLIO COMUNALE di Mercoledi 9 GIUGNO2010

Punti all'Ordine del Giorno

  • Conferma dell'individuazione delle zone non metanizzate del territorio comunale ai fini dell'applicazione delle riduzioni fiscali sul costo del gasolio e GPL usati come combustibile, ai sensi della legge 23/12/1999 n. 488 e s.m.i. - Anno 2010.
  • Agenzia per la Mobilità e il trasporto pubblico locale di Modena S.p.A. – Proposta di modifica dello statuto e Approvazione.
  • Ampliamento della stazione ecologica attrezzata del Comune di Bomporto – Progetto in variante al P.R.G. – Approvazione
  • Nomina  rappresentante  del  Consiglio Comunale di Bomporto presso il Consiglio dell'Unione Comuni del Sorbara.

Il primo punto, che ci ha visti favorevoli al voto, riconosce e conferma incentivi nelle zone ancora non servite dalla rete del gas metano all’interno del territorio Comunale, in cui i cittadini, per i servizi fondamentali, utilizzano gasolio e GPL; Nel dibattito consiliare una nostra domanda è stata se tali contributi sono previsti solo per l’utilizzo del gasolio e del GPL come combustibili alternativi, oppure, dato che le case basso-emissive sono sempre maggiormente diffuse, se tali contributi fossero estensibili anche ad abitazioni che utilizzano fonti di energia alternative, o rinnovabili. La risposta è stata che la legge (statale!) prevede solo incentivi sull’uso di GPL e gasolio. Al solito siamo indietro con le normative a livello nazionale…. Attendiamo che lo Stato si renda conto che bruciare combustibile di vario genere non è l’unico modo per ottenere energia per riscaldarsi e cucinare.


Il secondo punto verte un argomento che sta a cuore a quanti usano (o vorrebbero usare!) i mezzi pubblici per gli spostamenti quotidiani. Parliamo AMO, Agenzia per la mobilità della nostra provincia. Forse non tutti sanno che AMO è nata da una costola dell’ATCM, ex azienda consorziale di trasporti interamente pubblica. ATCM non è piu interamente pubblica, ma AMO ancora si. Ciò che è stato discusso e fatto è stato approvare una modifica dello statuto, condivisa da tutti i Comuni, di togliere come forma giuridica decisionale, il consiglio di ammistrazione formato tipicamente da figure politiche è ora, istituendo la figura di un amministratore unico. Molte le perplessità di una figura accentratrice di decisioni ma più operativa e veloce nelle decisioni come rimarcato nel dibattito dalle altre minoranze. Il punto è sempre chi si mette come amministratore unico…un tecnico o un politico. È ovvio che siamo favorevoli per la prima soluzione. Oltre all’approvazione era possibile fare osservazioni inserendo all’interno del documento programmatico previsto nei passaggi consiliare nei vari comuni, le proprie esigenze territoriali. La richiesta d’inserimento in questo doc, rimarcata in primis da noi, è di istituire un collegamento est-ovest che attraversi il territorio  dell’Unione trasversalmente invece che solo longitudinalmente, in modo da poter percorrere  l’asse che va da Carpi passando per Sorbara, Bomporto,Ravarino fino a Nonantola e perché no, fino a raggiungere Castelfranco, attraverso mezzi pubblici. L’esigenza è stata sottolineata più e più volte anche in considerazione della convenzione esistente con la Usl e l’Ospedale di Castelfranco di tutto il distretto per i servizi sanitari. E’ stata lanciata anche la proposta di un servizio “Prontobus” sul territorio, che sta riscuotendo un gran successo a Carpi e nei comuni dell’area Nord che lo hanno adottato. Vediamo se almeno su questo seconda opzione, il Comune o l’Unione dei comuni del Sorbara, decide di fare lo sforzo per avere, al pari di Caselfranco (per quanto riguarda il ns distretto), questo utilissimo servizio pubblico a chiamata. Al voto è stato approvata la modifica dello statuto. Anche noi favorevoli con la speranza che che i suggerimenti proposti diano qualche frutto…

Ultimo punto, il consigliere Della Marca si è dimessa dal Consiglio dell’Unione, in vista della futura maternità, a lei vanno i nostri migliori auguri, pertanto si è svolta l’elezione di un altro rappresentante (sempre per il consiglio dell’Unione); ovviamente la maggioranza ha votato compatta, eleggendo un nuovo rappresentate a cui auguriamo buon lavoro.

AGGIORNAMENTO DEL 28 GIUGNO sulla questione TIA o non TIA:

In attesa delle (in)decisioni del Governo Nazionale in merito, interpretando alcuni provvedimenti attualmente inclusi nella “magnifica” manovra economica in discussione, il Comune per tutelarsi e per non aggravare la propria posizione contabile, il 3 luglio ha votato un cambio di Regolamento in materia di gestione rifiuti in cui la Tariffa di Igiene Ambientale (TIA) diventa Tariffa Integrata Ambientale (ancora TIA!), rimanendo soggetta ad Iva, pertanto torna ad essere scaricabile per le aziende e imprese. Ciò è possibile perché a livello Nazionale viene lasciata la possibilità ai Comuni di scegliere come comportarsi in merito, vista la carenza di indicazioni precise del legislatore dopo la sentenza della corte costituzionale in materia.Quindi per privati ed aziende, per ora non cambierà niente e sopratutto, almeno da noi, non ci saranno aumenti per tutto il 2010.

Prossima discussione, martedì 13 luglio, l’adozione del nuovo PSC; raccomandiamo a tutti i cittadini di partecipare, e ricordiamo che il Comune metterà a disposizione di tutti i dettagli relativi, con la possibilità di effettuare osservazioni fino ad ottobre 2010.

CONSIGLIO COMUNALE DEL 22 APRILE

ODG

  1. Piano Particolareggiato di iniziativa privata comparto “PPB1” in Zona D4 del P.R.G. – Via A. Moro - proprietà Monzani Luciano e Roberto – Approvazione.
  2. Variante al Piano Particolareggiato di iniziativa privata “Comparto Ex Euroboiler” - in variante al P.R.G. – Adozione.
  3. Regolamento per la gestione del servizio nido d’infanzia comunale di Bomporto.
  4. Convenzione tra i  Comuni di Bomporto, Finale Emilia e  Ravarino per la costituzione di un ufficio unico di segreteria. Revoca. -  Approvazione nuova convenzione di segreteria tra i Comuni di Bomporto, di Finale Emilia e di Nonantola. Provvedimenti
  5. Interrogazione presentata dal Gruppo Consiliare “Il Popolo della libertà – Lega Nord Padania” in data 6.3.2010 prot. 2970 avente ad oggetto “trasporto scuole medie S. Prospero”.
  6. Interrogazione presentata dal Gruppo Consiliare “Per Bomporto solidarietà e progresso” in data 31.3.2010 prot. 4071 avente ad oggetto “Fiera di S. Martino”.
  7. Interrogazione presentata dal Gruppo Consiliare “Per Bomporto solidarietà e progresso” in data 31.3.2010 prot. 4072 avente ad oggetto “Piazza Roma”.
  8. Ordine del giorno presentato dal Gruppo Consiliare “Per Bomporto solidarietà e progresso” in data 14.4.2010 prot. 4590 in merito alla questione della Tariffa d’igiene ambientale (TIA).

Andiamo velocemente a commentare i punti salienti di questo consiglio. Iniziamo dal punto 7. A Bomporto dopo la ristrutturazione della pavimentazione di Piazza Roma, si sono formati dopo pochi mesi problemi alla stabilità e resistenza con danneggiamenti seri alle pietre posate (vicenda già nota ai cittadini). Ciò che emerso dalla risposta del sindaco alla interrogaizone è che l'ammnistrazione comunale è riuscita a rivalersi nei confronti dei fornitori committenti impegnanodoli a dover sistemare tutto quanto (sostituzione e posa delle pietre rotte o malposate) a loro spese senza dover sostenere ulteriori costi oltre quelli già sostenuti da parte del comune a suo tempo. Una buona notizia per le nostre casse. Staremo a vedere come andrà a finire.

Passiamo al punto 8, che riguarda l'annosa questione della TIA (tariffa igiene ambientale) e la sentenza della corte costituzionale. L'interrogazione fatta dallo stesso capogruppo di maggioranza è stata fatta per fare un po' di chiarezza sull'argomento e ma sopratutto per giustificare azioni in divenire da parte della amministrazione, sviluppi che non si può certo dire,saranno favorevoli alla collettività. Peccato che si sono poi dimenticati di farlo anche nei confronti, appunto della cittadinanza. Infatti la sentenza della Corte Costituzionale n. 238 del 24/07/2009 ha definitivamente chiarito che la TIA è un tributo e come tale non assoggettabile ad IVA. I cittadini contribuenti avrebbero diritto alla restituzione dell’IVA pagata.La sentenza della Corte Costituzionale n. 238/2009, seppur autorevolissima, putroppo non costituisce norma legislativa e, di fatto, non è stato abrogato quando disposto dal DPR 633/1972 – tabella A – parte III – n. 127 sexiesdecies. Quindi per i rimborsi mancherebbero i devreti attuativi del legislatore, cioè il governo+parlamento.

D'altra parte in precedenza Le risoluzioni dell’Agenzia delle Entrate n. 25/E del 05/02/2003 e n. 250/E del 17/06/2008 e la circolare n. 111/E del 21 maggio 1999 si erano espresse in merito e avevano ribadito che la Tariffa deve essere assoggettata all’IVA, con l’aliquota agevolata del 10%. Si consideri, inoltre, che in base alle disposizioni richiamate nella presente, l’IVA non è una entrata in quanto nella stessa misura viene riversata all’Erario e non sono state ancora comunicate disposizioni in merito alle modalità con cui gli eventuali rimborsi saranno regolati con l’Amministrazione Finanziaria.Come venuto fuori dal dibattito  in consiglio (non molto chiaro e confusionario), se si riconoscesse definitivamente a quest’ultima la natura tributaria e non come prima tariffa, venendo a meno questo 10% di gettito per il comune, che invece dovrebbe corrispondere regolarmente al gestore dei rifiuti (HERA) e di conseguenza all'erario, l'amministrazione sarebbe costretta (loro dichiarazione) ad aumentare del 10% secca la TIA, almeno per coprire il mancato gettito per il 2009 e 2010. Questo aumento (e questo non è stato detto) deriverebbe dall’addizionale ex ECA (ripescata dal comma 39, art. 3, della Legge n. 549/95 e regolata dal DM 2 maggio 1996 che definisce le modalità di devoluzione ai comuni dei proventi delle addizionali erariali alla TARSU) che sarebbe reintrodotta ed è proprio pari al 10% del tributo.Però la cosa importante e che resta da chiarire, sarebbero la modalità e i tempi di applicazione dell’addizionale ex ECA alla TIA, se si riconoscesse definitivamente a quest’ultima natura tributaria.Quindi in conclusione, La sentenza della Corte Costituzionale, che esclude l’applicazione dell’IVA dalla TIA, reintrodurrebbe implicitamente l’applicazione dell’addizionale ex ECA. Dunque In attesa di chiarimenti definitivi da parte del legislatore, il Comune o Gestore dei rifiuti (nel nostro caso HERA) non procederà, per il momento, né con i rimborsi IVA né con il recupero dell’addizionale ex ECA.Allo stato attuale ciò che si profila è, zero rimborsi per il cittadino e svanirebbe la possibilità di poter scaricare il 10% nella dichiarazione dei redditi per aziende e liberi professionisti.

Degno di nota infine anche il punto 3 che riguarda anche la modifica del regolamento per la formazione delle graduatorie per accedere ai posti disponibili agli asili nidi per l'anno 2010/2011. Sostanzialmente viene agevolata un po' di piu la famiglia con entrambi i coniugi che lavorano. Per i dettagli siete invitati a collegarvi sul sito del comune o visionare direttamente il nuovo regolamento nell'albo pretorio del comune.

CONSIGLIO COMUNALE DEL 22.03.2010

ORDINE DEL GIORNO

  1. Regolamento per l’applicazione della tariffa del servizio di gestione dei rifiuti urbani e assimilati. Provvedimenti.
  2. Tariffa igiene ambientale (T.I.A.)  – Approvazione Piano Finanziario anno 2010.
  3. Imposta comunale sugli immobili (I.C.I.). Conferma aliquote per l’anno 2010.
  4. Servizi a domanda individuale anno 2010: percentuale di copertura dei costi.
  5. Verifica delle quantità e qualità delle aree fabbricabili da destinare alle residenze ed attività produttive per l’anno 2010.
  6. Approvazione del piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari dell’Ente.
  7. Bilancio di previsione anno 2010 e bilancio pluriennale anni 2010-2012: provvedimenti.
  8. Approvazione del nuovo schema di convenzione inerente la soppressione dei vincoli delle aree PEEP cedute in diritto di proprietà e modalità attuative.
  9. Protocollo d’intesa per la definizione e l’organizzazione dello Sportello Unico per le Attività Produttive, a livello “distrettuale”. Provvedimenti.
  10. Comunicazioni del Sindaco al Consiglio Comunale per prelievi dal fondo di riserva: deliberazioni di Giunta Comunale n. 177 del 22.12.2009, 178 del 22.12.2009, n. 179 del 22.12.2009 e n. 180 del 22.12.2009.
 

In questo ordine del giorno, la fa da padrone il punto che riguarda il bilancio di previsione per l’anno 2010 (punto 7). Inziamo da questo.è infatti stato dibattuto il bilancio di previsione per l´anno 2010, e il Bilancio Pluriennale 2010 - 2012. Consiglio lunghissimo, argomenti molto interessanti e dibattuti.

La seduta è iniziata dando la parola al Revisore dei Conti, che ha analizzato nel dettaglio il documento, e ha dichiarato la compatibilità con i tetti imposti dallo Stato, e con il Patto di Stabilità.

Dopo di che si è entrati nel vivo della discussione: la maggioranza ha presentato con un discorso programmatico il Bilancio, tracciando una prospettiva (come c´era da aspettarsi) non esattamente rosea per l´economia comunale. Aumento della disoccupazione, incremento della spesa sociale a sostegno delle famiglie e dei soggetti in difficoltà, tagli alle spese, riduzioni delle entrate, e per minor gettito fiscale, e per i fondi statali che tardano ad arrivare o che sono di importo inferiore rispetto alle attese. A fronte di tutto questo, dei conti comunali in ordine, anzi, con un notevole capitale da parte, inutilizzabile a causa del patto di stabilità.

Vengono elencati i punti salienti. Rette invariate per quanto riguarda i servizi scolastici, misure di sostegno a famiglie e imprese, investimenti senza ricorrere all´ausilio di mutui per far fronte alla manutenzione degli immobili comunali, per acquisizione di beni, interventi di sostituzione arredi e di manutenzione chiese, contributi all´Unione, impianti sportivi e strade. Viene rimarcata l´impossibilità - sempre a causa del patto di stabilità - di far partire alcune opere abbastanza prioritarie di essere prontamente eseguite (tra queste putroppo anche le piste ciclabili)

Ci sono anche gli aspetti positivi: La tariffa TIA, a fronte di un incremento dei servizi di base, rimarrà invariata nonostante le richieste di aumento da parte del gestore Hera.Vengono sostanzialmente confermati i fondi per la cultura, la promozione dello sport e del volontariato.

La Giunta si impegna a mantenere alto in livello dei servizi scolastici.

A livello di Lavori pubblici e urbanistica, si riconosce l´alto tasso di invenduto e la necessità di promuovere una cultura ambientale sostenibile.

Nel Bilancio 2010 anche i fondi per il lancio di prodotti agricoli e attività che caratterizzano la zona, dalla produzione del Lambrusco alla coltivazione della pera, al rilancio di coloro che vogliono fare impresa sul settore primario.

Prima di passare agli emendamenti, nell intervento effettuato dal ns consigliere Garuti, per quanto riguarda il capitolo spese, chiarimenti sono stati chiesti per le voci generiche "prestazioni di servizi" presenti in ogni settore/servizio di spesa (anno 2009 e previsione 2010) che non consente di appurare con chiarezza come e dove vengono suddivise tali spese. Stesso discorso per le voci di aumento di "trasferimenti all'unione", si pensi al servizio istruzione o di polizia per fare un esempio, nel quale si perde la contabilità sull'effettivo gettito del quale verrebbe beneficiato il nostro comune e relative scuole:
2 Punti a sfavore della leggibilità del bilancio.
Poi dubbi sono stati espressi per le entrate (alquanto ottimistiche) previste in quota "oneri di urbanizzazione" (come dato aggregato) visto l'attuale crisi nell'edilizia e dell'immobiliare in genere, e delle tempistiche di riscossione sulle concessioni già assegnate ma in ritardocon l'avvio della costruzione.

 I Gruppi Consiliari "Insieme per Bomporto" e "Lega Nord - Pdl" hanno quindi presentato i loro emendamenti.

Il primo prevede (in breve) l´istituzione di un "Consorzio per le eccellenze bomportesi", che raccolga e gestisca le attività caratteristiche del territorio, e l´introduzione di una "fidelity card" per i cittadini che spendono sul territorio, togliendo fondi al settore cultura, manifestazioni fieristiche e di promozione. Il nostro voto a tale emendamento è stato sfavorevole, in primo luogo poiché riteniamo che il sostegno della cultura sia importantissimo per nuove e vecchie generazioni, in secondo luogo perché si può si risparmiare sulle manifestazioni culturali, ma esse sono un importante momento di aggregazione e promozione del territorio che non va troppo penalizzato; inoltre un ulteriore consorzio, con i suoi impiegati, spese, burocrazie, ci pare poco opportuno.

A seguire le proposte di "Insieme per Bomporto", mantenere inalterato il contributo all´Unione rispetto agli anni precedenti per favorire le scuole Materne paritarie e la riduzione dei buoni pasto per le mense scolastiche. Non abbiamo votato contro perché ci paiono entrambe iniziative lodevoli, ma nemmeno a favore per l'impossibilità di studiarli in modo appropriato dato lo scarso preavviso.Sicuramene un altro aspetto su cui lavorare in consiglio, è la comunicazione.

La Giunta ha espresso parere negativo in tutti e quattro i casi, rimanendo ferma nelle sue voci di spesa previste. A seguito di dibattito e di dichiarazioni di voto, si è proceduto all´approvazione.

Per quanto ci riguarda, ci sono alcuni aspetti positivi del bilancio di previsione 2010 che riguardano in particolar modo l'urbanistia e l'ambiente che ci ha fatto propendere per un voto di astensione: abbiamo infatti anche voluto lanciare un segnale alla Giunta, che si è dichiarata di volersi impegnare in tal senso, nella speranza che le nostre aspettative, anche a fronte dei suggerimenti inviati alla giunta per l´imminente approvazione del PSC, non vengano delusi, auspicando che si vada verso una gestione del territorio il più possibile ecologicamente sostenibile arrestando la cementificazione selvaggia avvenuta nelle 3 ultime legislature. Vedremo se alle intenzioni, seguiranno fatti concreti. 

Il nostro voto, di astensione, è stato anche per sottolineare (parere espresso nelle dichiarazioni di voto) che in merito alle politiche ambientali e gestione dei rifiuti, la giunta ha dichiarato di volersi muovere nella giusta direzione, come il già approvato ampliamento dell´isola ecologica, una ipotesi di introduzione della raccolta rifiuti porta a porta in una frazione (Solara), di cui l´amministrazione ha già promosso uno studio di fattibilità (stiamo aspettando i risultati). Durante la dichiarazione di voto, abbiamo sottolineato la possibilità di investire maggiormente nel risparmio energetico che grava non poco sulle spese correnti a bilancio, e ammonendo che il suddetto risparmio non si ottiene principalmente accorciando la finestra temporale in cui i lampioni della pubblica rimangono accesi nell'arco delle 24h (cosa alquanto pericolosa), ma bensi sostituendo le lampade con altre meno energivore, investendo su sistemi di illuminazione alimentati da pannelli solari coadiuvati da sistemi di tele-controllo ad elevata tecnologia per gestirne meglio la potenza, forme di investimento che "ritornano" sicuramente sotto forma di risparmio nelle spese fisse di un comune. Puntare Infine sulle fonti rinnovabili (si veda nostro ODG sul Piano energetico Ambientale), sottolineando anche la possibilità di promuovere e trasformare le imprese esistenti in società operanti nelle nuove tecnologie o in quelle del settore green economy.

Risultato di voto: maggioranza compatta con 12 voti a favore, 4 contrari, 1 astenuto.

 Il Consiglio è proseguito velocemente verso la fine, passando attraverso l´approvazione dello schema di convenzione inerente la soppressione dei vincoli delle aree Peep cedute in diritto di proprietà (punto 8) e attraverso l´approvazione di un protocollo di intesa per l´istituzione di uno sportello unico per le attività produttive a livello distrettuale (punto 9); qui viene solo dato il via allo studio, che, se risulterà fattibile, verrà in seguito discusso ed approvato.

gli altri punti riguardavano solo comunicazioni e provvedimenti, consultabili sempre sul sito del comune o nell'albo pretorio del comune.

Il coordinatore

 

CONSIGLIO COMUNALE del 2 FEBBRAIO 2010 - ODG

  1. Convenzione tra il Comune di Bastiglia, Bomporto e Ravarino per la gestione del servizio di trasporto per le uscite didattiche delle scuole del territorio. Anno scolastico 2009/2010.
  2. Comunicazioni del Sindaco al Consiglio Comunale per prelievi dal fondo di riserva: deliberazioni di Giunta Comunale n. 169 del 22.12.2009 e n. 170 del 22.12.2009.
  3. Ordine del giorno presentato dal Gruppo Consiliare “Insieme per Bomporto” in data 12.12.2009 prot. 15835 avente ad oggetto: “la sicurezza dei cittadini ridiventi una priorità”.
  4. Ordine del giorno presentato dal Gruppo Consiliare “Insieme per Bomporto” in data 12.12.2009 prot. 15836 avente ad oggetto: “la T.I.A. (Tariffa di Igiene Ambientale) non può essere assoggettata ad IVA”.
  5. Mozione contenente proposta di introduzione di un “Quoziente Famigliare” presentata dal Gruppo Consiliare “Insieme per Bomporto” in data 8.1.2010 prot. 131

Veloce aggiornamento sullo scorso consiglio comunale che per impegni di lavoro, non ha visto la presenza della nostra consigliera, per sopraggiunti ed inderogabili impegni di Lavoro; A quanto pare ci si è persi un consiglio d'altri tempi...alla Peppone Don Camillo.

Sui primi 2 punti, che ha generato scarso dibattito, diciamo solo che è passata la delibera di cui al punto 1);
L'oggetto (o meglio l'argomento) che ha acceso di piu gli animi è stato l'ODG presentato dalla lista "Insieme per Bomporto" (PUNTO 3) sulla questione sicurezza capitanato dal consigliere Vicenzi; l'odg verteva sulla richiesta/proposta da parte di tutte le istituzioni e tutte le forze politiche di lavorare fuori dalle promesse rese in campagna elettorale affinché sia garantita ai nostri cittadini un grado di sicurezza ed ordine pubblico il più elevato possibile e, per tanto, auspicare la presenza di maggiori risorse e uomini alle forze dell’ordine impegnando la Giunta a presentare con urgenza al Consiglio Comunale un “Pacchetto Sicurezza” che superi l’inefficienza del Tavolo per la Sicurezza (istituito l'anno scorso, guarda a caso poco prima dell'inizio della campagna elettorale) e che vada nella direzione di garantire un maggior presidio del territorio da parte delle forze dell’ordine attraverso l’impiego dei Vigili Urbani da disciplinare con apposito regolamento.
Un aspetto portante dell'ODG riguardava il numero di Vigili: una legge dice di dover avere 1 vigile ogni 1000 abitanti. Bene, all'interno dell'Unione ci sono 11 vigili invece che 15!!! 11 Vigili a presidiare il territorio, considerando che gran parte del tempo sono impegnati in mansioni amministrative e non di presidio. Il sindaco sostiene che non ne può assumere perchè spenderebbe circa 30-35 mila euro all'anno a vigile, e cio causerebbe lo sforamento del patto si Stabilità (ma sbagliamo o il corpo dei Vigili è in seno all'unione dei comuni?!); ma intanto furti ,rapine in appartamento (ricordate la Banda della BMW), le recnti scoperte di Spacciatori insediatisi in nostri casolari abbandonati  aumentano esponenzialmente in maniera preoccupante sul nostro territorio comunale (basta leggere i giornali).
altro punto emerso dal dibattito era la discussione sul famoso TAVOLO SULLA SICUREZZA, respinte le accuse di averlo indetto sotto campagna elettorare, il sindaco ha dichiarato che la finalità era solo consultiva e in nessun modo operativa, e quindi era servito per sapere per esempio che a Sorbara c'era un po di bullismo nel piazzale dell'asilo! E dell'episodio intimidatorio dell'incendio al Despar, da parte delle criminalità organizzata locale ci siamo già dimenticati tutti!??
A un certo punto del dibattito il Sindaco ha dichiarato pubblicamente che il consigliere Vicenzi si era fatto forza nelle sue pungenti dichiarazioni grazie alla presenza del "Suo pubblico" in consiglio (comunque cittadini che evidentemente avevano e hanno a cuore queste tematiche, non scordiamocelo); nell'animato botta e risposta il sindaco al solito  è andato a parare sul patto di stabilità sostenento che ha le mani legate (ma non erano stati premiati i comuni virtuosi da recenti provvedimenti governativi (ogni morto di papa, qualcosa di buono lo fanno per gli enti locali) che avrebbe allentato il vincolo del patto?!?)
Al voto è finita 14 contro e 1 a favore; la notizia è che anche i 3 consiglieri di minoranza della lega-pdl , proprio sulla sicurezza tanto sbandierata come cavallo di battaglia alle scorsa campagna elettorale, si sono sorpredentemente dichiarati contrari facendo un tutt'uno con la maggioranza.

Anche l'ordine del giorno sulla T.i.a., che nelle ultime bollette emesse dal gestore del servizio Ambientale sul nostro territorio, la tanto famigerata HERA, non si tiene conto della sopra indicata sentenza della Corte Costituzionale che ha bocciato l’aggravio del 10% di IVA sulle fatture emesse,nel dibattito il Sindaco sostiene che non farà nulla e che aspetterà le direttive del governo; nemmeno una telefonata al gestore per ricordarle di non applicare più l'iva sulla tariffa rifiuti dalla sentenza della corte c. in poi.che dire...ma un po' piu di coraggio mai?

Ultimo punto (5) sul quoziente familiare: possiamo solo dire che la mozione non è passata. per i dettagli del contenuto della mozione collegatevi al sito del comune.

 RETIFICA DEL 5 Marzo: putroppo i paventati provvedimenti che avrebbero dovuto premiare i comuni virtuosi allentandoli dalla morsa del patto di stabilità sono poi stati ritirati e dunque non confermati nel decreto milleproroghe che questo ns governo (di pubblicitari) ha approvato poco dopo l'uscita del nostro articolo....come dire: non c'è proprio speranza da questo Governo! 

 ODG CONSIGLIO COMUNALE DEL 8 GENNAIO 2010

 1. proposta di delibera della maggioranza che ha come oggetto la concessione
per la costruzione e gestione di un nuovo nido d’infanzia a Bomporto tramite l’istituto giuridico della concessione

2. Interrogazione consiliare della LC Bomporto 5 Stelle - beppegrillo.it: stato e lavori alla piscina comunale Darsena (vedi interr. nel dettaglio)

3. Istituzioe e nomina della Commissione Urbanistica Comunale

La serata inizia con lo svolgimento del primo punto, un proposta di delibera della maggioranza che ha come oggetto la concessione
per la costruzione e gestione di un nuovo nido d’infanzia a Bomporto tramite l’istituto giuridico della concessione, che prevede la
possibilità di affidare a soggetti terzi non solo la gestione funzionale ed economica, ma anche la costruzione dell'opera pubblica, per rispondere alle rinnovate esigenze della comunità che cresce sempre piu numericamentente negli anni.
L'assessore Meschiari illustra il progetto, couadiuvato anche da slide proiettate in sala e che potete torvare sul sito del comune, che ha la caratteristica di essere misto pubblico-privato, dunque sicuramente una idea innovativa per una realtà come la nostra, che rompe gli schemi con il passato, ma anche dovute alle necessità del periodo (sempre minor fondi) ed ha come scopo, dice Meschiari, di perseguire un preciso progetto politico: mettere la donna al centro della azioni dell’amministrazione comunale di Bomporto e puntare a raggiungere la quota suggerita dal parametro del trattato di Lisbona, cioè arrivare a coprire il 33% degli aventi diritto. Il progetto per come è articolato porterà da 74 a 120 i posti nido disponibili entro settembre 2011.
Il Comune dovrà mettere a disposizione l'appezzamento in aggiunta a quello che verra ricavato dall'attuale struttura "Peter Pan", decidere le modalità di costruzione ed arredo del nido e verificarne costantemente il funzionamento.

Successivamente si passa al dibattito:
Pedrazzi (PDL) commenta con sua positiva sorpresal'idea e l'approccio innovativo adottato per questo tipo di soluzione realizzativa, che segna una importante inversione di tendenza, a suo dire, rispetto alla scorsa legislatura.

Stefania (La nostra Consigliera) interviene per sincerarsi del fatto che la struttura sia almeno in classe energetica B, con la possibilità di essere portata in Classe A e sulla flessibilità in relazone alla possibilità di cambio di destinazione d'uso per il futuro.

Vicenzi (i.p.b) fa notare come sia difficile valutare una delibera inviata alle minoranze 1-2 giorni prima della votazione in consiglio, sullo stesso discorso ritorna Pedrazzi che motiva il voto di astensione all'atto della votazione.

Il sindaco risponde sostenendo che la delibera è stata preparata in fretta e intergrata successivamente (testimone ne è l'errata corrige consegnata ai consiglieri immediatamente prima del consiglio) dai funzionari comunali e che anche la maggioranza ha avuto poco tempo per acquisirla e valutarla.

Poi finalmente si va al voto:noi ci astenimo, per i medesimi motivi sollevati dalle altre minoranze: l'idea è apprezzabile ma non c'è stato il tempo di approfondire meglio certi aspetti peculiari della concessione.

Punto 2: La nostra interrogazione che riguarda i lavori di ristrutturazione della Piscina comunale darsena che per quasi due anni ha operato con problemi di tenuta nella vasca piccola, con perdite di importanti quantita di acqua potabile pubblica in falda.
Non si avevano piu notizie del suo stato almeno fino al 18 dicembre quando si è appreso che riapriva il 25 gennaio 2010.
Qui potete consultare la risposta in dettagio sui lavori eseguiti e costi sostenuti: la buona notizia è che quasi la metà dei costi per la riparazione non verrà sostenuta dal comune con fondi pubblici (cioè noi), ma dall'ente gestore (U.I.S.P.) che però ha ottenuto una proroga di altri 2 anni nella gestione dell'impianto come contropartita.La brutta notizia, che ora è notizia ufficiale, è per quasi 2 anni l'impianto ha funzionato male, perdendo in falda litri e litri di acqua potabile prelevata dalla rete pubblica, andando a contribuire in modo importante sulla gestione del bilancio (non proprio florido) in esercizio della piscina comunale per quei 2 anni.

Punto 3.
delibera per la nomina della commissione urbanistica (si veda doc nella sezione DAL CONSIGLIO - ALTRO del sito internet).
Dopo una breve presentazione da parte del sindaco si è proceduti subito al voto poiche nessuno ha posto obiezioni alla nomina (anche noi ovviamente favorevoli), risultato si all'unanimita: la commissione si farà.

O.D.G. CONSIGLIO COMUNALE del 22 DICEMBRE

1) Dimissioni del Consiglere ed Assessore Valentina Raimondi

2)  Provvedimento sul REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE – Modifica al Cap. II –“Della Commissione per la Qualità Architettonica ed il Paesaggio.” - Approvazione

3) Delibera di Concessione PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE -  Azienda Agricola GARUTI MARCO - Approvazione

4) DELIBERA DI AMPLIAMENTO DELLA STAZIONE ECOLOGICA ATTREZZATA DEL COMUNE DI BOMPORTO SITA IN VIA CARLO TESTA N. 3.- APPROVAZIONE DEL PROGETTO IN VARIANTE AL VIGENTE P.R.G.

5) Delibera di REVOCA DELLA CONVENZIONE PER IL TRASFERIMENTO ALL’UNIONE COMUNI DEL SORBARA DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DELLA PROGRAMMAZIONE ED ATTUAZIONE DEL PROGETTO DISTRETTUALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA.

6) Approvazione dei regolamenti per la gestione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica ex art. 25, comma 6°, art. 28 e art. 30 comma 5° della L.R. 24/01 modificata ed integrata dalla L.R. 10/03.

7) Richiesta di emanazione di una ordinanza sulla pubblica sicurezza - Presentata dal gruppo PDL - LEGA NORD

8) ODG del Gruppo Consiliare PDL - LEGA NORD: Controlli periodici sulla residenza degli immigrati stranieri

9) ODG del Gruppo Consiliare LC Bomporto 5 Stelle - proposta di aiuti sociali contro la crisi occupazionale (consultabile per intero presso la sezione del sito dedicate alle proposte)

 --

 Consiglio Comunale ricco di punti e di argomenti svariati. Innanzitutto la "Surroga del Consigliere Raimondi Valentina dimissionario."
Valentina ha deciso per motivi familiari di trasferirsi al di fuori della provincia di Modena, e di abbandonare quindi, per ovvi motivi di lontananza geografica e di tempo, il suo incarico all´interno del Comune. La salutiamo, come persone e come Lista Civica, e le auguriamo buona fortuna. Il suo posto viene preso da Sacchetti Enzo, impiegato di Banca, di Solara.

Secondo e terzo punto riguardano l´istituzione Commissione per la Qualità Architettonica ed il Paesaggio; a seguito di un dibattito in cui si è rimarcata la necessità di totale trasparenza dell´operato di tale organo, la votazione ha visto l´approvazione del punto, con astensione nostra.

Si è parlato poi dell´ampliamento stazione ecologica attrezzata del Comune di Bomporto sita in Via Carlo Testa, "3. Approvazione del progetto in variante al vigente PRG". Tale stuttura negli ultimi anni ha riscosso dscreto successo presso la cittadinanza, che, oltre a conferire il rifiuto differenziato (a livello Comunale siamo poco superiore al 50% di raccolta differenziata), si vede riconoscere uno
sconto utilizzando la tessera HERA apposita. Nell´ultimo periodo il conferimento è diventato difficoltoso, e il tutto è molto sacrificato all´interno di un´area che non risponde più alle accresciute esigenze. Il Comune ha quindi deciso di destinare l´area retrostante alla struttura, ora adibita a vivaio, all´ampliamento della stazione ecologica. A vivaio verrà destinata una fascia di rispetto nella stessa zona industriale, e l´ampliamento sarà per intero finanziato da Hera, che in parte verrà risarcita dalla Regione. Abbiamo votato a favore, sperando che questo aiuti a raggiungere livelli molto più alti di quelli attuali di raccolta differenziata in attesa dell'istituzione della raccolta differenziata porta a porta. A tal proposito il sindaco ha detto che stanno valutando un accordo per iniziarla in via sperimentale in località Solara...speriamo sia la volta buona.

Successivamente, il "Piano di Sviluppo Aziendale - Azienda Agricola Garuti Marco - Approvazione": in Consiglio è stato mostrato il progetto per la costruzione della prima abitazione del signor Garuti, all´interno di un lotto agricolo di sua proprietà, che egli provvede a
coltivare, rivendendo i prodotti anche in modo diretto al pubblico. Il Piano di Sviluppo è stato approvato con anche il nostro voto favorevole, in quanto riteniamo più che opportuno sostenere un professionista del settore che intenda continuare la propria attività agricola, tanto più che egli fa parte di un circuito di vendita di prodotti del territorio sul territorio che noi, come Lista Civica,
sosteniamo e vorremmo incentivare il più possibile - Concetto di filiera corta.

 Il punto successivo tratta della "Revoca della convenzione per il trasferimento all´Unione Comuni del Sorbara della gestione del servizio di assistenza domiciliare e della programmazione ed attuazione del progetto distrettuale di Assistenza Domiciliare Integrata" . In pratica, il Comune revoca la convenzione per i servizi sociali con l´Unione per darla in gestione all´ASP di Castelfranco Emilia, che si preoccuperà di appaltare all´esterno la gestione di tali servizi. Come costo, tale seervizio si manterrà pressoché invariato a detta della maggioranza. Il nostro voto è stato di astensione.

Stesso voto per il punto successivo, "Approvazione dei regolamenti per la gestione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica"; si discute della gestione e della conduzione degli alloggi già assegnati.

A questo punto si passati a discutere di due proposte di Odg presentate dal Gruppo Consiliare "Il Popolo della libertà - Lega Nord Padania". La prima aveva ad oggetto: "richiesta di emanazione da parte del Sindaco di un´ordinanza sulla pubblica sicurezza". In breve, veniva richiesto il recepimento del Decreto Maroni, secondo cui è possibile l´istituzione di associazioni volontarie di persone, riconosciute e registrate in Questura, con il compito di vigilare sul territorio e segnalare eventuali atti criminali alle forze dell´ordine. Il nostro voto è stato contrario, e vorrei spiegare qui in dettaglio le mie ragioni. Tali associazioni di cittadini non sono in alcun modo autorizzate ad intervenire nel momento in cui si accorgono che sul territorio sta avvenendo un atto criminale. Faccio un esempio. Stanno entrando i ladri in un appartamento, una di queste associazioni volontarie transita in quel momento in quella via, e li vede scavalcare il balcone. L´unico atto che essa può fare e di chiamare Polizia o Carabinieri, ed attendere il loro arrivo. Come anche il Sindaco ha rimarcato, e qui mi trova d´accordo, questa funzione può essere svolta anche dal dirimpettaio o dal vicino di casa. Tutti possiamo aiutarci in questo, "controllando" il territorio in ogni momento, soffermandoci un attimo ad osservare azioni sospette, senza ovviamente mettere a repentaglio la nostra incolumità, e richiedere in caso di bisogno l´intervento delle Forze dell´Ordine.... Che - potrà
capitare - arriveranno in ritardo, e non potranno più fare niente. Ma questo accadrebbe anche se fosse una di queste associazioni ad effettuare la segnalazione. La carenza di fondi stanziati a livello nazionale non può essere compensata da queste iniziative, lodevoli per gli intenti dei volontari che vi parteciperebbero, ma inutili se non supportate da un ottimo servizio di Polizia o di Carabinieri.  
Voto: contario
In secondo luogo, i  "controlli periodici effettivi sulla residenza degli immigrati stranieri". Qui viene richiesto di controllare periodicamente che il Cittadino Straniero residente all´interno del territorio Comunale risieda effettivamente dove ha dichiarato, al fine di non erogare contributi a persone che hanno risieduto per brevi periodi per poi abbandonare il Comune o addirittura lo Stato, continuando
però a recepire illecitamente contributi.

 Infine la nostra proposta: sindaco e giunta ammettono il lodevole principio che vi sta alla base e si sono mostrati interessati a valutare la proposta  che però tecnicamente giudicata troppo generica e il suggerimento è stata quella di ritirarla per poi riformularla in un modo piu definito e con un piu preciso scopo per poi essere ripresentata al consiglio dell'Unione, di competenza per la questione aiuti sociali.

Il capogruppo SG

CONSIGLIO COMUNALE BOMPORTO - 2.10.2009 (dettagli presenti nell'albo pretorio)

ODG discusso

1.      Convenzione per  il trasferimento all’Unione Comuni del Sorbara del servizio personale. Provvedimenti.

2.      Convenzione per  il trasferimento all’Unione Comuni del Sorbara del servizio appalti per l’aggiudicazione di lavori e opere pubbliche. Provvedimenti.

3.      Convenzione per  il trasferimento all’Unione Comuni del Sorbara del servizio appalti per le forniture di beni e servizi. Provvedimenti.

4.      Convenzione per  il trasferimento all’Unione Comuni del Sorbara del servizio informatico. Provvedimenti.

5.      Fiera di San Martino 2009. Provvedimenti.

6. Adozione del programma relativo agli incarichi di studio, ricerca e consulenza da conferirsi nell’anno 2008 a soggetti estranei all’Ente, in applicazione dell’art. 3, commi dal 54 al 57 della Legge 244 / 2007, Finanziaria 2008.

7.      Proposta di Ordine del giorno presentato dal Gruppo Consiliare “Lista Civica Bomporto 5 stelle " in data 19.9.2009 prot. 12002.

8. Convenzione tra i Comuni di Bomporto, Ravarino e Finale Emilia per la costituzione di un ufficio unico di segreteria. Provvedimenti

9   Convenzione tra il Comune di Bomporto e Comune di San Prospero per la realizzazione di opere di consolidamento del ponte di collegamento tra Via Staggia in Comune di Bomporto e Via Gallerana in Comune di San Prospero. Provvedimenti.

Iniziamo con la proposta di O.D.G. che abbiamo presentato (punto 7) in questo consiglio riguarda la possibilità di installare una web cam e microfoni nella Sala del Consiglio per riprendere la seduta e diffonderla pubblicamente su internet attraverso le tecnologie a basso costo del web (sia in diretta che eventualmente in differita) in modo da essere fruibile da tutti i cittadini interessati.
Durante la discussione la maggioranza si è espressa dicendo che la cosa è poco praticabile e fruibile se non già presenti servizi di accesso ad interntet a banda larga come l'ADSL su buona parte del territorio comunale. e' stato fatto presente che ciò non era un buon motivo per non appoggiare e iniziare a pensare di dotarsi di strumenti del genere, come segnale di trasperenza e aperture delle istituzioni verso la collettività.
Ricordiamo a tutti anche che, seppur non proprio a basso costo o in banda larga (buona velocita di accesso), esistono già sistemi di accesso ad internet come la modalita dial-up analogico (su linea telefonica tradizionale e isdn), e la wireless dsl di Satcom, sempre disponibili per collegamenti estemporanei (non flat).
Il dibattito è proseguito con una richiesta da parte del capogruppo lega-pdl Pedrazzi affinche la giunta si impegni a fornire una proposta tecnico economica di soluzione concreta entro il primo Consiglio comunale del 2010. La maggioranza ha accolto positivamente la cosa e si è andati al voto:la proposta di ODG è stata votata a favore da tutti e dunque APPROVATA! La Giunta si è ripromessa di discutere le questioni tecniche ed economiche attraverso lo studio e presentazione di una proposta concreta, e noi ci auguriamo che anche Telecom nel frattempo abbia dato qualche sua notizia per quella data (parliamo sempre della questione attivazione servizi Adsl nelle frazioni del comune).

Nel Consiglio del 2 ottobre si notano anche numerose convenzioni da approvare (punti 1,2,3,4,8,9): l´Unione dei Comuni del Sorbara a 4 (Bomporto, Bastiglia, Ravarino e Nonantola) è una realtà. Esse trasferiscono definitivamente tali servizi all´Unione, costi che non graveranno più direttamente sul singolo Comune, ma che si trasferiranno sull´Ente; trasferendo in toto la loro gestione non vi sono rischi di "sdoppiatura" dei costi. Il nostro voto è stato di astensione. Non riteniamo che la presenza di questa istituzione sovra comunale sia dannosa, perché dà modo al nostro territorio di avere "maggiore peso" a livello provinciale e regionale quando è il momento di chiedere contributi o servizi, ma non ce la siamo sentita nemmeno di votare a favore. In primo luogo perché più enti vuol dire spesso più dirigenti, quindi più costi (ci auguriamo vivamente che questo non accada!) che gravano sul contribuente, in secondo luogo per la tendenza a demandare a una sola persona, o a poche persone, molte funzioni, cosa che riteniamo sbagliata primo perché porta ad accumulare stipendi di grande entità che potrebbero essere ripartiti tra varie persone (in epoca di crisi si da da mangiare a più famiglie! ...e siamo certi che le competenze, anche con la dovuta formazione, le potrebbero avere più persone, non solo una!), poi perché troppe mansioni, di grande rilievo, rischiano di portare a un sovraccarico che porta inevitabilmente a ritardi o carenze nella loro gestione. Come sempre, ci auguriamo che questo non accada, nel caso saremo i primi a chiedere spiegazioni e a insistere perché le cose cambino.

Stefania Garuti - Capogruppo Lista Bomporto 5 Stelle

Vento d´estate

Cosa ci ha portato. Abbiamo presentato due interrogazioni all´inizio del mese di agosto, una per tentare di colmare il divario tecnologico dovuto alla mancanza dell’ADSL che opprime il territorio comunale (in particolar modo la frazione di Sorbara), la seconda per sapere gli sviluppi e porre all’attenzione della cittadinanza la vendita del 25% delle quote Aimag possedute dai Comuni della provincia nord (Bomporto venderà quindi il 25% del suo 3.06 % di Aimag) a soggetti privati.

Venerdì 29 agosto ho incontrato il Sindaco, Alberto Borghi, che mi ha anticipato le risposte alle interrogazioni (pubblicate in altra sezione). Sulla prima intterrogazione, Telecom è stata sollecitata anche prima delle ferie, la risposta è stata molto vaga come sempre, è stato sottolineato che non c´è interesse da parte dell´azienda ad investire sul territorio, in particolare su un centro abitato di quasi 4000 residenti (?!?!? Poi non ci si deve stupire se perdono sempre piu utenze e aumentano sempre più il debito, se sono queste le risposte), e che sono già stati fatti ingenti investimenti sul territorio comunale di Bomporto, in precedenza. La risposta dell´amministrazione è stata corretta e tempestiva, ha cioè fornito i dati relativi alla cittadinanza di Sorbara, Solara e Villavara, sottolineando che oltre 6000 residenti, e i numerosi  esercizi commerciali non sono irrilevanti, come ritorno economico, e ha fornito i dati relativi alle infrastrutture fisiche (cunicoli Telecom, cavidoti e tubazioni di passaggio comunali esistenti, potenziali nuovi locali dove trasferire la centrale telecom, ecc) al fine di facilitare la messa in opera dell’adeguamento tecnologico con spazio per i nuovi apparati in centrale, per erogare il servizio di connettività a basso costo (ADSL). Ma a quanto pare Telecom non mostra alcun tipo di segnale per investire. Molto probabilmente il passo successivo sarà quello della raccolta firme.

In merito alla seconda interrogazione, è importante far notare che secondo il nostro punto di vista le conseguenze che tale vendita avrà sui servizi al Cittadino se tale municipalizzata diventasse a partecipazione privata, con il rischio di rispondere al criterio di massimo profitto invece che di miglior servizio al cittadino, è che i servizi di prima necessita erogati verranno a costare sempre piu a fronte della diminuzione della qualità degli stessi. In particolare per la questione del bene Acqua, come scriviamo nell’articolo del giornale comunale che uscirà nei prossimi giorni, è forte il rischio che in futuro non rimanga piu sotto controllo interamente pubblico. Dal sindaco ci è stato detto che verrà fornita risposta scritta una volta accumulate tutte le informazioni necessarie dagli enti.

Ho chiesto al Sindaco anche in merito ad altre due questioni, non ancora formalizzate sotto forma di interrogazioni o interpellanze:

Innanzitutto sulla questione dell´abbattimento alberi in via dei Pioppi Cipressini di Sorbara, segnalatami da un paio di residenti della zona. Di fronte alle fotografie che mi sono state fornite, il Sindaco mi ha spiegato che i numerosi abbattimenti sono dovuti in primo luogo a malattie delle piante, in secondo luogo a problemi che le radici dei suddetti danno alle abitazioni vicine. Sulla prima motivazione nutriamo qualche dubbio, ma nel frattempo continueremo a monitorare la situazione e chiamare direttamente Legambiente nel caso episodi del genere si riverificassero. Ci è stato anche rferito che l´amministrazione provvederà in autunno, quando il clima sarà più adeguato, a piantumare nuovamente la zona.

Prima delle ferie mi ero recata presso il Comune di Nonantola per avere copia del loro Regolamento del Verde. Dopo averlo letto e valutato l´ho sottoposto al Sindaco Borghi, al fine di adottare analogo regolamento, per prevenire abbattimenti ingiustificati; il Comune di Bomporto però ha già un suo regolamento, approvato nel 1992, esistente solo in forma cartacea, che mi verrà fornito appena possibile e che provvederò a "girare" a chiunque lo desideri.

Altro quesito posto alla giunta è relativa al Parco fluviale del Secchia, programmato dalla Regione Emilia Romagna per i prossimi tre anni, a cui il Comune di Bomporto non ha ancora aderito. Per questo vi darò notizie dopo la riunione che si terrà a fine Settembre, incontro che attende anche l´Amministrazione Comunale per decidere in merito all’ultima nostra proposta di ODG, di riprendere e diffondere via internet le sedute del consiglio comunale, presentata a metà settembre.

State sintonizzati per gli sviluppi

16.09.09 - Stefania Garuti - Consigliere Comunale Lista civica Bomporto 5 stelle

CONSIGLIO COMUNALE BOMPORTO - 23 LUGLIO 2009

Andiamo per punti in relazione all'ODG:

 1. Variazione al bilancio di previsione per l’esercizio 2009.              2.Sanzioni amministrative da applicarsi alle violazioni del Regolamento Edilizio Comunale – Provvedimenti

3. Autorizzazione alla Ditta Fruit Modena Group per intervento in deroga al vigente P.R.G.
4. Regolamento Comunale per l’applicazione del canone per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche COSAP. Provvedimenti.
5. Convenzione tra il Comune di Bomporto e i Comuni di Bastiglia, Ravarino, Nonantola, Castelfranco Emilia e S. Cesario S/P per un progetto intercomunale di qualificazione dei servizi per l’infanzia, periodo settembre 2009 – luglio 2014: approvazione.
6. Mozione presentata dal Gruppo Consiliare “Insieme per Bomporto” in data 30.6.2009 prot. 8784.
7. Deliberazione di Giunta Comunale n. 90 del 23.6.2009 avente ad oggetto “Estinzione anticipata mutuo contratto con la Cassa DD.PP. Spa tramite applicazione dell’avanzo di amministrazione. Variazione urgente di bilancio” – Ratifica.
8. Deliberazione di Giunta Comunale n. 93 del 7.7.2009 avente ad oggetto “Lavori di adeguamento per l’ottenimento del certificato prevenzione incendi e consolidamento di n. due impalcati della Scuola elementare “Sorelle Luppi”. Variazione urgente di bilancio” – Ratifica         
9. Delibera di Giunta Comunale avente oggetto
" l'individuazione delle aree in cui non è possibile applicare le recenti Norme Tecniche previste dalla Legge Regionale n.6/2009 "Piano Casa" approvazione

Il Consiglio Comunale si è svolto affrontando in primo luogo i punti legati alle variazioni di Bilancio, cioè affrontando subito i punti 1, 4, 7 e 8 per venire incontro alle esigenze del funzionario comunale presente ad esporre alcune questioni tecniche.

Brevemente, i nodi più salienti di questi punti di stampo strettamente economico sono:

La variazione di bilancio consiste in poco più di 29.000 euro, in varie voci tra cui le due degne di rilievo. La prima sono 15.000 euro destinati a “prestazione di servizi” per l’Ufficio Tecnico; tale spesa è stanziata per tare un rilievo di dettaglio della rete stradale della frazione di Villavara, al fine di acquisire le strade attualmente private, fare una mappatura dei problemi della frazione e risolverli in modo efficace. La seconda sono 6.000 euro destinati a saldare una bolletta Aimag (voce “Altri servizi generali”), per la fontanella di Sorbara di Via Verdeta, di fianco alla Chiesa. Questa è conseguenza o di un conguaglio, mai effettuato da Aimag negli anni passati, o di una rilevante perdita a valle del contatore.Ancora versioni ufficiali non ci sono state comunicate. Il nostro consigliere ha cmq deciso di votare contro a tale variazione, in quanto la voce di spesa relativa alle strade di Villavara, pur essendo condivisibile, appare un po’ eccessiva in questo momento di crisi: è vero che bisogna supportare le imprese e favorirle anche a livello di mobilità, ma non ci pare che nelle vie secondarie della frazione ci siano problemi così gravi da dover essere risolti in un momento in cui tante famiglie o persone in situazioni precarie dal punto di vista lavorativo necessitino di aiuto. Riteniamo che tali fondi potrebbero essere destinati ad azioni diverse, con l’intenzione di rimandare il censimento di Villavara a un futuro non lontano. Inoltre i 6.000 euro da destinare alla bolletta Aimag necessitano di particolare attenzione, poiché a quanto pare si è deciso di metterli già in carico nella variazione di bilancio senza prima perseguire alcuna verifica preliminare o facendola in modo insufficiente; in caso di conguaglio per mancate letture effettive, pare un po’ spropositato il pagamento in un’unica rata, mentre in caso di perdita sarebbe opportuno un’accurata ed immediata verifica tecnica. Da recenti aggiornamenti, nei giorni scorsi il Comune ha comunicato la difficoltà di svolgere verifiche sul contatore, sito in un luogo abbastanza impervio e di difficile lettura a causa delle incrostazioni che su di esso si sono formate nel tempo. Vorremmo ricordare ai tecnici del comune preposti, nel caso non lo sapessero, che per questi problemi, basta chiamare i tecnici AIMAG, che fino al contatore (compreso), è loro dovere e di competenza intervenire per la risoluzione delle anomalie o deterioramento dei contatori.

Speriamo non si tratti di quest’ultima ipotesi (perdita in falda), altrimenti ancora una volta (il precedente è costituito dall'impianto della piscina Darsena (piscina piccola), che perde una vasca d'acqua ogni 2 giorni, da quasi 2 anni),  dovremmo assistere ad un episodio di complicità e negligenza nella  scarsa attenzione che queste istituzioni rivolgono nel risparmio di risorse preziose come l’acqua o servizi di prima necessita in genere, per fortuna ancora in mani pubbliche. Vi terremo aggiornati su questa questione…

Abbiamo votato contro anche all’applicazione del Regolamento Comunale per l’occupazione dello spazio pubblico COSAP (punto 4). Tale regolamento, in pratica, prevede che i “banchetti” che partiti, movimenti politici (Liste Civiche) o associazioni politiche sono soliti allestire per avere contatto con i cittadini, siano possibili o al di fuori delle manifestazioni ricreative, religiose e di promozione, oppure durante i mercati settimanali o straordinari. Da parte nostra c’era piuttosto la volontà di dare la libertà all’organizzazione di votare contro la presenza dei partiti nelle manifestazioni, o di regolare tale presenza all’interno delle manifestazioni in termini di spazi, diffusione sonora, distribuzione di materiale o volantini. Questo perché riteniamo che, per coloro che non hanno accesso a internet (a tal proposito a breve porteremo in consiglio la proposta di istituire una web cam per diffondere in rete le sedute consiliari), è complicato riuscire a “vedere” cosa fanno i loro rappresentanti in Consiglio, proporre problematiche o domande, venire a conoscenza delle associazioni presenti sul territorio. E, in ogni caso, tali banchetti non sono mai stati invadenti, e la politica fa comunque parte della vita del comune, pertanto non ci pare opportuno “tenerla fuori” dalle occasioni di incontro. ….insomma…per chi la vive da fuori, è sicuramente difficile da comprendere un provvedimento del genere.

L’altro punto saliente del Consiglio Comunale è il punto 3, l’autorizzazione in deroga al P.R.G. per consentire alla ditta Fruit Modena Group di asfaltare un campo di considerevoli dimensioni, fin’ora ad uso agricolo, ma pur sempre di sua proprietà. Tale richiesta è giunta in Comune al fine di poter stoccare all’esterno alcuni cassoni, attualmente siti all’interno della struttura e a seguito di spazi venuti a mancare nello stabilimento di Campogalliano, dopo l’incendio che ha colpito tale sede. Come Gruppo Consiliare la nostra richiesta era di concedere la deroga a fronte di una “misura compensativa”; noi avevamo richiesto o l’utilizzo di pavimentazione drenante, oppire, considerando i tempi di crisi, che la Ditta concedesse parte della sua copertura per l’installazione di un campo fotovoltaico comunale. Abbiamo scelto e spinto questa soluzione come proposta perché a fronte del nullo impegno della Ditta in termini economici, il Comune ne avrebbe ricavato uno spazio già permeabile per poter in futuro effettuare un investimento, di sicuro ritorno economico (incentivi di valore doppio su base Kilowatt prodotto da immettere in rete, erogati dal G.S.E. per gli impianti a gestione pubblica, rispetto a quelli dei privati), e che puntasse sulle fonti rinnovabili secondo le direttive europee e il protocollo di kyoto. Niente da fare! L’obiezione principale che ci è stata mossa dalla giunta è che tale scambio avrebbe creato un servitù privata di difficile gestione, in particolare dal punto di vista burocratico. Questo aspetto, secondo noi, si sarebbe potuto risolvere a tempo debito, con l’impegno e la volontà comune di entrambe le parti, senza creare troppi problemi, in quanto un’installazione di tale tipo è vero che richiede la presenza di operai per il montaggio, ma la manutenzione è molto ridotta (si parla mediamente di un intervento ogni 5 anni secondo la mia esperienza di Ingegnere del settore) e gli spazi impiantistici necessari molto ridotti. In ogni caso, il nostro voto è stato contrario (gli unici a votare contro) a fronte della maggioranza di voti (compresa tutta l’opposizione) a favore della concessione della deroga. La maggioranza si è limitata ad imporre l’utilizzo di asfalto drenante…ma secondo voi esiste asfalto che dreni per fare fluire l’acqua piovana direttamente nel terreno sottostante (e non a fianco) rispettando i criteri richiesti per non definirla cementificazione selvaggia?? La risposta la sapete già! Dobbiamo comunque sottolineare la buona volontà della Ditta (e l’amministrazione?), che ha promesso di destinare una parte del campo, a verde, anche allo scopo di limitare l’impatto visivo dell’installazione! A voi le conclusioni.

Merita una spiegazione anche il punto 7), che potrebbe non risultare molto chiaro. L’estinzione anticipata del mutuo contratto con la cassa DD.PP. Spa è stata prevista dall’amministrazione al fine di poter sfruttare l’avanzo di bilancio dell’anno scorso. Tale somma, a causa del patto di stabilità previsto dal Governo Italiano, non può essere utilizzata dalle Amministrazioni Comunali in alcun modo se non per l’estinzione di mutui già contratti. Quindi si è deciso di estinguere il mutuo contratto per la costruzione del centro civico "Tornacanale" per poter utilizzare tali fondi. In questo caso la decisione ci sembrava giusta e la consigliere Garuti ha votato a favore, anche per dare un segnale di dissenso a questa stupido e limitante (per le comunità locali), provvedimento imposto dal governo centrale tempo fa. Stesso discorso vale per il punto 8) , 2), punti perfettamente condivisibili.

L’ultimo punto di cui discutere in questa sede è il numero 6), la mozione proposta dal Gruppo Consiliare “Insieme per Bomporto”, in particolare dal consigliere Vicenzi. Tale mozione suggeriva di modificare l’articolo 8, comma primo, dello Statuto Comunale, aggiungendo un che citava: “riconosce il ruolo primario della famiglia cristiana quale 'cellula fondamentale' della vita sociale". La maggioranza se ne è uscita con una controproposta dopo la prima discussione, che la modificava togliendo il sostantivo “cristiana” e aggiungeva successivamente la frase “ed opera al fine di sostenerla con politiche dedicate” La discussione ha avuto un acceso batti e ribatti tra il consigliere Vicenzi e la giunta, ma alla fine è stata messa ai voti quella originale presente nella mozione. La mozione non è passata ma si fa notare i 2 astenuti nelle file della maggioranza. Anche Il nostro voto è  stata l’astensione, non tanto allo scopo di non riconoscere l’importanza della famiglia, quanto piuttosto di non “discriminare” coloro che non sono famiglia in senso stretto, cioè coloro che per loro scelta hanno deciso di non unirsi in matrimonio, ma che comunque hanno figli, e che pertanto hanno pari diritti di accesso ai servizi comunali rispetto a coloro che sono “famiglia tradizionale” in senso stretto. Inoltre la famiglia tradizionale è tutelata dalla Costituzione, quindi non ci pareva necessario rimarcare tale condizione nello  Statuto, che comunque, sottosta alle Leggi Vigenti e alla Costituzione stessa. Sicuramente si poteva trovare un punto d’incontro tra maggioranza e opposizione(a parte noi) su una questione ampiamente condivisibile e bipartisan, ma ancora una volta, sottolinea Vicenzi anche in qualche articolo uscito sui giornali locali, la maggioranza ha fatto in modo che la proposta non passasse anche in questo caso. Insomma, a parere nostro, la sensazione è che si siano persi in un bicchiere d’acqua!

Entro la fine del mese pubblicheremo aggiornamenti rispetto alle Interrogazioni presentate e alle nuove proposte che intendiamo presentare entro breve alla Giunta Comunale e al Sindaco: STAY TUNED!

Stefania Garuti

Please publish modules in offcanvas position.